All’italiana

Un circo di paese - Le canzoni da marciapiede

Tre minuti e si va in scena,
un ultimo ritocco a trucco e reggiseno,
giù le luci in sala, un gesto scaramantico: ecco il pubblico sovrano!

Sulle note del preludio mando a mente un passo,
so che avrà successo,
se chi è davanti guarderà al significato quanto alle mie cosce.

Benvenuti al grande varietà!
Paganti e non paganti, amici e conoscenti, che piacere avervi.
Qui, stasera, la storia si farà!
Rivelazioni sconvolgenti da restarci secchi.

Bene, non perdiamo tempo perché di attrazioni ce ne sono tante:
la piaga del lavoro nero, dei salari in rosso e delle morti bianche,
chiese chiuse e aborti, ma ora vedo un prete e proprio non mi pare il caso,
sesso: giusto compromesso per partire bene e senza troppo peso.

Mi hanno suggerito di restare più sul comico che sul sociale,
del resto è vero che se parlo dell’ecologia mi tiro contro gli industriali,
parlare di uguaglianza donne-uomini e indecisi forse è troppo audace,
sorteggio le parole giuste da appoggiare su una musica vivace…

Bell’Italia, che grande varietà!
Bulli, pupe e papi raccomandano e telecomandano,
dio ci scampi dalla curiosità,
rotola un pallone alla televisione!

Hanno suonato:

Valentina Pira: voce
Andrea Belmonte: pianoforte
Valter Bono: batteria
Valentina Renesto: sassofono
Luca Silvestri: ukulele basso